Recupero ex Minghetti – Bologna

Il progetto si connota come un intervento di riqualificazione urbana che interessa la porzione più orientale e marginale del più grande complesso della Caserma Minghetti, sede dell’antico monastero di Sant’Agnese, situata nel Centro Storico del Comune di Bologna.

Il complesso, con una superfice di circa 3.800 mq, presenta un edificato caratterizzato da una forma abbastanza regolare e costituito da tre corpi di fabbrica contigui disposti attorno ad un’area cortiliva centrale e confinanti con la restante parte della caserma: il Teatro, la Casa del Soldato ed un piccolo manufatto a due piani, denominato Alloggio del Custode, che congiunge gli altri due.

L’area d’intervento è sottoposta ai vincoli delle Soprintendenze monumentale ed archeologica.

Per dare seguito al processo di “valorizzazione delle ex aree militari”, la nuova proprietà intende riqualificare l’area recuperando e rifunzionalizzando i tre fabbricati con usi ammessi dalle vigenti normative edilizie, realizzando inoltre un parcheggio pertinenziale con due livelli interrati al di sotto del piazzale.

L’idea cardine del progetto è di creare un nuovo centro culturale ecofriendly in grado di catalizzare alcune delle principali forme dell’espressione artistica: teatro, cinema, musica, danza, letteratura; il tutto caratterizzato da un intervento innovativo rispettoso del contesto dove s’inserisce, per ridare luce e prestigio al passato, ma con uno sguardo proteso al futuro e verso le nuove tecnologie.

Per cui il cinema non è solo quello tradizionale, ma si spazia dal cinema d’essai alle rappresentazioni multimediali, mentre il teatro si alterna con la danza e la musica, dando spazio anche alla riscoperta del tradizionale teatrino dei burattini.

Altra innovazione è la scelta di destinare il nuovo parcheggio unicamente ai veicoli ibridi ed elettrici dotandolo al 100% di postazioni di ricarica.

Il progetto prevede la ristrutturazione della Casa del Soldato e del Teatro conservando l’involucro esterno e ridistribuendo gli spazi interni, con l’obiettivo di ottimizzare l’utilizzo dei volumi esistenti nell’ambito di un uso contemporaneo dei contenitori storici.

In particolare nella Casa del Soldato si avranno una caffetteria/piadineria e due ristoranti e nel Teatro diverse attività culturali: un cinema d’essai, ambienti per proiezioni multimediali, il teatro predisposto per l’utilizzo anche per altri eventi come sfilate di moda o cene di gala, una sala mostre ed un teatrino dei burattini/sala polifunzionale per convegni/conferenze; Parte dei reperti archeologici rinvenuti saranno conservati e valorizzati rendendoli visibili con una pavimentazione vetrata situata nella hall/foyer del piano terra.

L’Alloggio del Custode, un manufatto di ridotte dimensioni privo di rilevanza storico-testimoniale, sarà demolito e ricostruito. Si prevede un nuovo volume essenziale che riproduce la sagoma planivolumetrica del fabbricato esistente, ma che si differenzia decisamente dal contesto circostante, sia nelle caratteristiche architettoniche, che nei materiali, nell’intento di sottolinearne la funzione di segnale, catalizzando l’attenzione di chi percorre la strada ed evidenziando il messaggio visivo di richiamo. Pertanto si è scelto di realizzare la lineare facciata su via Capramozza con un rivestimento in corten, intaccata da piccole aperture disposte in modo irregolare, che configurano la nuova architettura come una sorta di “lanterna” serale, garantendo il collegamento pedonale del nuovo complesso culturale al contesto circostante.

Il nuovo edificio, che ospiterà un bookshop ed un circolo letterario, costituirà l’ingresso pedonale al cortile interno da via Capramozza tramite una scalinata esterna.

Gli interventi relativi all’ex-Caserma Minghetti costituiscono un progetto unitario suddiviso in fasi successive, in quanto le nuove destinazioni della Casa del Soldato e del nuovo Alloggio del Custode si configurano come strettamente interconnesse con le attività culturali previste nel Teatro e con il parcheggio interrato.

Il progetto nel complesso si connota come un intervento di rigenerazione urbana realizzato nel tessuto storico della città, rendendo l’area che per la destinazione militare era interclusa all’uso, permeabile al contesto circostante.

Cliente

Termal Real Estate s.r.l.

Anno

2019

Location

Bologna